Torta di mele per diabetici

torta di mele per diabetici

Foto Envato | tycoon101

  • facile
  • 1 ora
  • 6 Persone
  • 212/porzione

La ricetta della torta di mele per diabetici  è la versione light della torta di mele classica, adatta ai diabetici e a tutti coloro che devono tenere sotto controllo la glicemia. Purtroppo il diabete è una patologia in crescita nei Paesi “ricchi”, sia tra i bambini che tra gli adulti. Tuttavia chi è colpito da diabete può condurre una vita normale, avendo delle accortezze soprattutto a tavola. Questa torta di mele light prevede l’utilizzo della farina integrale e la stevia al posto dello zucchero. La stevia è un dolcificante di origine naturale; cercatela al 100% nei negozi bio.

SCOPRI LE MIGLIORI RICETTE PER DIABETICI

Ingredienti

  • farina integrale 200 gr
  • mele renette 2
  • farina di mandorle 2 cucchiai
  • stevia 10 gr
  • olio di semi 60 gr
  • limone 1 (succo e scorza)
  • sale 1 pizzico
  • lievito 1 bustina
  • uova 3
  • cannella in polvere qb

Preparazione

  1. Per prima cosa grattate la scorza del limone e mettetela in una ciotola capiente.

  2. Tagliate 1 mela a fettine sottili che serviranno per la decorazione e l’altra mela a cubetti che metterete nell’impasto.

  3. Bagnatele col succo del limone e lasciate da parte.

  4. Nella ciotola con il limone grattato aggiungete le uova, un pizzico di sale, l’olio, la farina integrale e la farina di mandorle, la maizena e la Stevia, amalgamando con una frusta.

  5. In ultimo aggiungete il lievito per dolci setacciato e la mela a cubetti sgocciolata, ed amalgamate delicatamente con una spatola.

  6. Versate l’impasto ottenuto in una teglia ricoperta di carta da forno da 28 cm di diametro.

  7. Disponete a raggiera le fettine di mela e date una spolverata di cannella.

  8. Infornate a 180° per circa 35 minuti.

  9. Servite tiepida o fredda.

Torta di mele per diabetici

Foto Shutterstock | Smit

La stevia è una piccola pianta originaria del Sudamerica e precisamente nasce sulle montagne del Paraguay e del Brasile. Esistono più di 150 specie ma solo una possiede il potere dolcificante: la stevia rebaudiana. I popoli indigeni del Sud America la utilizzano da secoli per le sue doti antinfiammatorie e antiossidanti ed è usata ancora oggi. I principi attivi sono lo stevioside e il rebaudioside A, che si trovano in tutte le parti della pianta ma sono più disponibili e concentrati nelle foglie. Contrariamente allo zucchero i principi attivi non hanno alcun potere nutrizionale (zero calorie), e sono relativamente stabili nel tempo e alle alte temperature, per cui conservano perfettamente le loro caratteristiche anche in prodotti da forno o in bevande calde, diversamente da altri dolcificanti di sintesi come l’aspartame, che subisce degradazione. Non vengono segnalate al momento vere e proprie controindicazioni relative a un impiego moderato di stevia come dolcificante. Resta tuttavia sconsigliato un suo utilizzo privo di criterio o limitazione.

Potrebbe interessarti anche

Ciambellone senza zucchero

Foto Shutterstock | Elena Veselova

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.