Pizza napoletana originale

Pizza napoletana originale

Tempo:
8 h
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
300 Kcal/Porz

    Tutti vorrebbero saper preparare la ricetta della pizza napoletana: è uno di quei piatti di cui ogni italiano è, più o meno segretamente, ghiotto. Ottenere l’impasto della pizza napoletana fatta in casa non è di per sé difficile, ma richiede l’osservazione di determinati accorgimenti volti a conseguire un risultato che nulla abbia da invidiare alla ricetta tradizionale. Quest’ultima è, infatti, un’arte tramandata di famiglia in famiglia, oltre che nelle pizzerie della città partenopea, nella quale la pizza rappresenta, come è ovvio dedurre, un grande vanto oltre che uno dei fiori all’occhiello della gastronomia locale. Ed allora: seguite alla lettere le dosi dell’impasto e realizzate la ricetta della pizza napoletana cuocendola nel forno elettrico. L’originale deve necessariamente possedere dei requisiti specifici, a partire dall’impasto e fino agli ingredienti usati per il suo condimento, come da regolamentazione impartita da una disciplinare del Ministero delle politiche agricole e forestali.

    Ingredienti

    Ingredienti Pizza napoletana originale per sei persone

    • 850 gr di farina 00
    • 5 gr di lievito di birra
    • passata di pomodoro fresca
    • olio extra vergine di oliva
    • 500 gr di acqua
    • sale qb
    • 200 gr di mozzarella
    • origano

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Pizza napoletana originale

    Ponete sul piano di lavoro tutti gli ingredienti necessari per la preparazione della pizza napoletana.

    Pesateli singolarmente con particolare attenzione al lievito, quindi iniziate.

    Fate intiepidire l’acqua – senza farla bollire – e prelevatene una parte.

    Versatela all’interno di una piccola ciotola o di un bicchiere grande.

    Unite il lievito di birra e fatelo riposare per uno o due minuti, quindi mescolatelo con un cucchiaio. Dovrà sciogliersi completamente.

    Adesso, con un setaccio a maglie fitte, setacciate su una spianatoia la farina.

    Create una fontana al centro con l’aiuto delle mani.

    Versate all’interno della fontana il composto precedente di acqua e lievito e, in un angolino, anche il sale.

    Iniziate ad impastare unendo, man mano, il resto dell’acqua da incorporare nella farina.

    Lavorate ancora energicamente l’impasto con le mani per 15 minuti sbattendolo bene e facendolo cadere dall’alto verso il basso.

    Ottenuto un impasto sodo, liscio ed elastico, modellatelo dandogli la forma di una palla.

    Infarinatela esternamente su tutte le parti.

    Ponetela all’interno di una ciotola capiente infarinata bene e copritela con un canovaccio pulito.

    Se necessario aggiungete anche una coperta, per favorire la lievitazione.

    Fate lievitare l’impasto in un luogo caldo e lontano da correnti d’aria per circa 6 ore.

    Trascorso tale lasso di tempo, riprendete l’impasto e ponetelo su un piano di lavoro infarinato.

    Stendetelo con l’aiuto delle vostre mani unte di olio di oliva.

    Ricavate dei dischi di circa 24 cm di diametro.

    Adesso raggruppate gli ingredienti necessari per la farcitura.

    Preriscaldate il forno statico a 250°C.

    Tagliate la mozzarella a cubetti e mettetela da parte a riposare dentro un colino.

    Foderate una teglia tonda, unta di olio, con la pasta per pizza precedentemente stesa.

    Versate sulla pasta per pizza un velo di passata di pomodoro.

    Condite con dell’olio, del sale e dell’origano.

    Infornate per circa 20 minuti.

    A 5 minuti da fine cottura tirate la pizza fuori dal forno e versatevi sopra anche la mozzarella.

    Infornate nuovamente, quindi estraete la pizza dal forno e conditela con dell’olio di oliva a crudo.

    Servitela subito in tavola.

    Segreti

    L’impasto della pizza napoletana deve essere fatto con la farina di grano tenero di tipo 00, il lievito di birra e l’acqua naturale. Per il condimento, invece, pomodori pelati o pomodorini, sale marino ed olio extravergine di oliva.

    La consistenza dell’impasto deve essere morbida ma elastica. A tal fine deve essere il pizzaiolo, con la propria abilità, a comprendere il grado di assorbimento dell’acqua da parte della farina, che è in genere il 50% del suo peso in acqua.

    La lievitazione avviene su un piano di lavoro, dapprima per due ore al coperto grazie ad un panno umido, poi sottoforma di panetti di peso compreso tra 180 e 250 gr. I panetti vanno fatti lievitare in cassette apposite per un tempo che va da 4 a 6 ore, e l’impasto può essere utilizzato nelle sei ore successive.

    VOTA:
    3.9/5 su 8 voti

    Speciale Natale