Come cucinare i cardi: trucchi per pulirli e ricette sfiziose

Ecco una guida completa su come cucinare i cardi con tutti i trucchi per pulirli, tagliarli e togliere l'amaro. In più, oltre i vari metodi di cottura vi proponiamo tante ricette con i cardi per i vostri menu sfiziosi!

come cucinare i cardi al forno con la besciamella

Foto Shutterstock | denio109

In questa guida vediamo come cucinare i cardi, uno degli ortaggi di stagione più particolari e versatili. Si prestano, infatti, a numerose ricette: ma come pulirli per usarli in cucina? Come togliere l’amaro dei cardi e quali sono i metodi di cottura per gustarli al meglio? Presto detto, basta semplicemente mettere in pratica alcuni piccoli accorgimenti vi sveliamo, piccoli trucchi utili per risparmiare tempo e fatica!


I cardi hanno un aspetto che ricorda vagamente il sedano: al di là della forma allungata, però, non vi è altra somiglianza. In quanto al gusto, infatti, sono più simili ai carciofi. Poveri di calorie, di questi ortaggi vanno consumati i soli gambi, previa cottura. Continuate a leggere per scoprire come cucinare i cardi al meglio!

Come pulire e tagliare i cardi

tagliare con cardi da pulire e tagliare
Foto Shutterstock | denio109

Per pulire e tagliare i cardi armatevi di pazienza e mettetevi all’opera. Vanno pulite con cura solo le coste esterne, quelle più dure e ricche di filamenti (utile a tale scopo può risultare il ricorso ad un comune pelapatate). Ecco tutti i passaggi:

  1. Tagliate i cardi a metà, poi eliminate le parti spinose sui bordi delle coste esterne
  2. Una volta eliminata la parte superficiale, le coste vanno private delle estremità e tagliate a pezzi più piccoli.
  3. Conservatele, man mano, all’interno di un recipiente pieno di acqua addizionata con del succo di limone.

Quello di lasciare in ammollo i cardi nell’acqua acidulata è un trucchetto che serve anche per togliere l’amaro di questi ortaggi.

Come cucinare i cardi in padella

piatto di cardi in padella con olive
Foto Shutterstock | Picture Partners

Vediamo ora come cucinare i cardi in padella. I cardi in padella possono essere realizzati in una serie infinita di varianti. Perfetti come contorno ricco, da non sottovalutare anche nell’ambito di cene con amici. Sono ottimi i cardi con acciughe, con patate o ripassati: in ogni caso andrete sul sicuro.

  1. Dopo averli tagliati a pezzetti metteteli da parte in ammollo in acqua e succo di limone. Versate in una padella uno spicchio di aglio e fatelo rosolare in poco olio.
  2. Aggiungete i cardi, sale e pepe e continuate la cottura, su fiamma bassa, per circa 20/30 minuti aggiungendo poca acqua o brodo vegetale.

Se volete aggiungete al soffritto delle acciughe e fate sfumare con vino bianco prima di aggiungere acqua o brodo.

Come cucinare i cardi al forno

teglia con cardi al forno e besciamella
Foto Shutterstock | denio109

Potete cucinare i cardi al forno semplici oppure fare i cardi gratinati. In questo caso con o senza besciamella, si prestano a secondi piatti allettanti. Possono essere accompagnati con patate tagliate a fette o con della salsiccia a pezzi dando vita, così, ad un secondo completo di contorno. Da non sottovalutare, infine, il tortino di cardi. Per preparare i cardi al forno gratinati in una versione semplice, procedete così:

  1. Dopo averli lessati e scolati, disponeteli in una teglia unta di burro, gli uni accanto agli altri.
  2. Cospargeteli con un mix di mollica di pane, prezzemolo tritato, parmigiano, aglio, sale e pepe.
  3. Completate con dei fiocchetti di burro e fate cuocere in forno caldo a 180 °C per circa 20 minuti.

Parmigiana di cardi

La parmigiana di cardi è un secondo piatto a base di verdure sfizioso, allettante, nutriente e che piace molto anche ai bambini. Il giorno successivo è anche più buona.

Come togliere l’amaro dai cardi

cardi bolliti a pezzetti
Foto Shutterstock | nito

Per togliere l’amaro dei cardi, dopo averli puliti non si devono cuocere subito. Lasciateli in acqua acidulata con succo di limone o aceto e lessateli in acqua e succo di limone, aggiungendo anche un cucchiaio di farina. Potete pure lessarli in acqua e latte (un bicchiere di latte ogni litro d’acqua).

Come cucinare i cardi in umido

piatto con cardi in umido
Foto Shutterstock | denio109

Potete cucinare i cardi in umido in vari modi. Ad esempio potete fare i cardi in umido con il lardo o cuocerli nel latte. Trattasi di una delle ricette più apprezzate a base di tali ortaggi. I cardi al latte si portano in tavola in poche mosse.

  1. Tagliate i cardi a tocchetti e trasferiteli in un tegame con una noce di burro.
  2. Fateli cuocere per qualche minuto facendoli ben rosolare quindi regolate di sale e pepe e copriteli con del latte.
  3. Continuare la cottura per una ventina di minuti, o fino a quando il latte non sarà stato assorbito quasi del tutto. Spolverate di parmigiano grattugiato e servite.

Cardi in umido al pomodoro

porzione di cardi in umido al pomodoro
Foto Shutterstock | denio109

Tra i contorni più semplici ma gustosi ci sono i cardi al pomodoro. Questi possono essere preparati sia con quello fresco che con il sugo di pomodoro anche fatto in casa.

  1. Affettate una cipolla e mettetela a soffriggere in poco olio.
  2. Unite dei pomodori tagliati a pezzetti, e regolate di sale e pepe.
  3. Unite i cardi già lessati e fateli insaporire per circa 10 minuti, completando con una spolverata di pangrattato, poco basilico o altra erba aromatica.

Risultano essere una pietanza leggera da poter insaporire con del formaggio grattugiato e dell’origano o, perché no, con dei cubetti di mozzarella da far sciogliere fino a diventare filante. Ottima è la variante che vuole i cardi gratinati al pomodoro.

Zuppa di cardi

Direttamente dal Molise, la zuppa di cardi è un piatto ricco e corroborante che si realizza in particolar modo durante le festività natalizie. Ogni occasione è quella giusta, tuttavia, per portarla in tavola, specie in inverno: arricchitela con le classiche polpettine o preparate la versione con i ceci.

Come fare i cardi lessi

ciotola con cardi lessi a pezzi
Foto Shutterstock | jultud

Per fare i cardi lessi lavate i cardi e puliteli come indicato in precedenza. Metteteli in una pentola capiente. Copriteli con acqua fredda, aggiungete 1 limone tagliato a metà e 1 cucchiaio di farina 00. Portate a bollore, aggiungete il sale e cuocete fino a che saranno teneri. I tempi di cottura dei cardi variano in base a quanto sono grandi i pezzi, in genere bastano dai 30 ai 45 minuti. Con la pentola a pressione occorrono 20 minuti a partire dal fischio. I cardi a vapore cuociono in circa 40-50 minuti. In ogni caso consigliamo di controllare infilzandoli con una forchetta e aspettare fino a quando i cardi saranno morbidi.

Cardi sott’olio

I cardi sott’olio rappresentano una preparazione tipica della Sardegna. Trattasi di una conserva fatta con i cardi selvatici, da tenere in dispensa e grazie alla quale poter gustare i cardi in qualsiasi momento dell’anno!

Come cucinare i cardi fritti

cardi fritti appena tolti dall'olio
Foto Shutterstock | Gandolfo Cannatella

I cardi fritti, con o senza pastella, vengono solitamente impanati con la mollica e cotti in abbondante olio bollente. La ricetta è piuttosto semplice e può essere realizzata anche senza uovo, per un risultato più leggero ma non meno gustoso.

  1. Fate bollire i cardi fino a quando risultano teneri. Tagliateli a pezzetti della stessa lunghezza.
  2. Passateli nella farina, poi nell’uovo sbattuto con poco sale e pepe ed infine nel pangrattato.
  3. Fateli friggere in un tegame con olio di semi profondo e fino a doratura.

Servite i cardi fritti caldissimi per assaporare al meglio la croccantezza.

Crocchette di cardi

Le crocchette di cardi sono un delizioso piatto vegetariano da portare in tavola come alternativa alle classiche crocchette di patate.

Cardi in pastella

Pastella per fritti con i cardi
Foto Shutterstock | denio109

I cardi in pastella sono ottimi sia come antipasto che come secondo piatto sfizioso è una ricetta che si realizza diffusamente in tutta la Penisola e sono spesso associati al 19 Marzo, giorno in cui si celebra la Festa del papà.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti