Occhio a cosa mangi dopo la grande abbuffata di Pasqua: questi alimenti vanno assolutamente evitati

alimenti da evitare dopo abbuffata

Ci sono cibi da evitare dopo un'abbuffata, ecco quali sono - buttalapasta.it

Ecco quali sono gli alimenti da evitare di mangiare dopo la grande abbuffata di Pasqua secondo i consigli degli esperti.

Avete esagerato a tavola durante i pranzi e le cene di Pasqua e ora dovete correre ai ripari perché vi sentite gonfi e ingolfati? Effettivamente può capitare di mangiare più del dovuto durante i pranzi e le cene dei giorni di festa. Sarebbe strano il contrario.

Le tentazioni a tavola sono tante, soprattutto a Pasqua, e noi vi capiamo perfettamente. Come si fa a rinunciare ad assaggiare un po’ di tutto quel ben di dio che ci si trova davanti agli occhi? Se però vi siete siete buttati a capofitto sulle lasagne e sugli arrosti, avete fatto il bis di torte salate e di patate arrosto, c’è qualcosa che dovete sapere per cercare di portare un poco di equilibrio nel vostro organismo.

Allora andiamo a vedere di seguito cosa dicono i nutrizionisti e gli esperti di alimentazione a proposito dei cibi da mangiare dopo una grande abbuffata come quella di Pasqua. Perché forse non sapete che ci sono alcuni alimenti che sono proprio “vietati“, e che dunque è meglio non mangiare.

Quali alimenti evitare dopo la grande abbuffata di Pasqua

Anche voi sentite un forte senso di peso sullo stomaco dopo aver mangiato tanto? È normale, come è normale percepire anche un senso di acidità e bruciore che non sono per niente piacevoli. Per cercare di correre ai ripari ci sono degli alimenti che è bene bandire dalla tavola nei giorni successivi all’abbuffata, così come è bene mangiarne degli altri. Scopriamoli nel dettaglio.

cosa evitare di mangiare dopo un'abbuffata

Ci sono alimenti da evitare dopo l’abbuffata di Pasqua – buttalapasta.it

Per favorire un senso di leggerezza ed evitare di appesantire ulteriormente l’apparato digerente, è consigliabile evitare di mangiare cibi in scatola o confezionati, specialmente se si tratta di cibi ultraprocessati o contenenti additivi, coloranti e conservanti. Dovete stare lontani pure da dolci e dolcetti, merendine e snack industriali che sono in genere ricchi di grassi e sostanze non proprio benefiche per l’organismo.

Allo stesso modo evitate gli insaccati, la carne rossa e i formaggi, che in genere vanno rendere più lenta e pesante la digestione. Invece sono da preferire le verdure a foglia larga e tutti quegli ortaggi detossinanti come gli asparagi o i carciofi. Certo, è meglio se li cuocete a vapore o li sbollentate piuttosto che farli gratinati o fritti in pastella…

Poi potete aiutarvi con delle tisane digestive che vanno ad aiutare le normali funzioni. Provate la tisana di zenzero e alloro, fate bollire una fetta di zenzero, una foglia di alloro e una buccia di mezzo limone in una tazza di acqua per cinque minuti. Fate riposare fino a che è fredda, filtrate e gustate.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrive per il web dal 2008 di cronaca italiana ed estera, politica e costume. La sua passione è la buona cucina, non solo le ricette della tradizione gastronomica italiana e internazionale ma anche piatti originali e particolari. Divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti