Pasqua 2017

Le ricette di Pasqua per un pranzo speciale: ricette tradizionali, ricette regionali e tanti suggerimenti per il menù perfetto anche per decidere cosa preparare a Pasquetta.

Putizza
Tempo:
5 h
Difficoltà:
Media
Porzioni:
8 Persone
Calorie:
310 Kcal/Porz
La ricetta della putizza slovena, che ha incuriosito molti a seguito del simpatico siparietto tra il Papa e Melania Trump nell'ambito della visita del Presidente degli Stati Uniti al Vaticano, è piuttosto semplice da realizzare in casa, anche se richiede parecchio tempo per via delle diverse lievitazioni. Trattasi di un dolce tipico della Pasqua e delle festività in genere, caratterizzato da un involucro di pasta dolce lievitata e da un ricco ripieno di noci, cioccolato e tanto altro. Simile alla Gubana del Friuli-Venezia Giulia, come avviene per la maggior parte delle ricette dei dolci della tradizione, anche questa ha subito, negli anni, diverse modifiche adattandosi all'evolversi dei tempi e delle abitudini familiari.

Ingredienti

Ingredienti Putizza per otto persone
  • 500 gr di farina 00
  • 40 gr di lievito di birra
  • 4 uova
  • 50 gr di burro
  • 100 gr di zucchero
  • 1 bicchiere di latte
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 pizzico di sale
  • 200 gr di noci tritate
  • 160 gr di zucchero
  • 100 gr di panna
  • 70 gr di burro
  • 1 cucchiaio di rum
  • 70 gr di cioccolato fondente a pezzetti
  • cannella in polvere
  • scorza grattugiata di limone
  • chiodi di garofano tritati
  • 2 albumi d'uovo
Ricettari correlati Scritto da

Ricetta e preparazione

Come fare Putizza

putizza

  1. Fate intiepidire metà dose del latte e unirvi il lievito di birra. Mescolate bene per farlo sciogliere.
  2. Versate metà dose di farina all'interno di una ciotola unendo anche metà dose dello zucchero.
  3. Unite il lievito sciolto nel latte, amalgamate bene e fate lievitare per 1 ora.
  4. Trascorso tale lasso di tempo unite il burro fuso e freddo, poi lo zucchero, il latte e la farina rimasti, il sale e la scorza del limone grattugiata.
  5. Impastate bene ed a lungo e fate riposare la pasta in luogo caldo ancora per un'ora.
  6. Preparate il ripieno unendo alle noci tritate il latte tiepido, il burro fuso, le spezie e tutti gli altri ingredienti ad eccezione degli albumi, che andranno prima montati a neve, quindi incorporati delicatamente.
  7. Stendete la pasta con un mattarello dandole la forma di un rettangolo.
  8. Spalmatela con il composto ottenuto lasciando libero un cm dai bordi.
  9. Arrotolate bene la pasta e adagiatela all'interno di uno stampo tondo precedentemente imburrato, quindi fatela lievitare ancora per 30 minuti.
  10. Trascorso questo tempo trasferitela all'interno del forno già caldo a fatela cuocere a 170 °C per circa un'ora.
  11. La storia della putizza triestina

    Le prime tracce del dolce trovano collocazione alla fine del XVIII secolo, all'interno dei ricettari dell'epoca. Il significato di putizza trarrebbe origine dal verbo poviti che significa, appunto, arrotolare, esattamente come avviene nella realizzazione del dessert, che si presenta come un lungo salsicciotto ripieno arrotolato di pasta dolce lievitata.

    Le differenze tra putizza e gubana

    Nonostante molto simili a prima vista, esistono delle significative differenze tra la putizza e la gubana, ad iniziare dalla zona di provenienza. Se quest'ultima nasce nelle Valli del Natisone, la putizza è tipica di Gorizia e Trieste. Entrambe sono caratterizzate dalla classica forma a spirale, ma nella putizza il ripieno è più abbondante e ricco, e prevede al suo interno anche il cioccolato.

Foto | Michael R Perry

 
 
 
 
 
RICETTE PIU' POPOLARI