Come cuocere la pasta: 5 segreti infallibili per una cottura perfetta

Cucinare la pasta è un'arte! Ecco una guida completa su come cuocere la pasta alla perfezione, con i passaggi fondamentali da tenere a mente e i trucchi per non fare errori prima, durante e dopo la cottura.

come cuocere pasta

Foto Shutterstock | nerudol

In questa guida vediamo come cuocere la pasta senza fare gli errori più comuni che, purtroppo, spesso rovinano i tuoi primi piatti facili e veloci o più elaborati! Cucinare la pasta sembra facile ma ci sono alcuni segreti e trucchi da conoscere e noi te li sveliamo così saprai come si cuoce la pasta alla perfezione per preparare piatti a prova di cuoco!

Come cuocere la pasta alla perfezione: trucchi e consigli da seguire

Andiamo subito al punto: ecco come cuocere la pasta alla perfezione evitando gli errori più tipici che si commettono quando si cucina la pasta per il pranzo o la cena. Se vuoi preparare un piatto perfetto usando le migliori marche di pasta segui i nostri consigli per la cottura della pasta e certamente non sbaglierai più!

Quanta acqua usare per cuocere la pasta

come cuocere la pasta
Foto Shutterstock | Anton Chernov

Quanta acqua serve per cuocere la pasta? La giusta quantità di acqua è molto importante per ottenere un piatto di pasta eccezionale. Cucinare la pasta in poca acqua o in troppa acqua è sbagliato. Ci vuole la giusta quantità, che è 1 litro ogni 100 grammi di pasta.

Come cuocere la pasta in padella

Questa è la regola per la pasta lessata, se invece vuoi fare la pasta risottata al salmone, cioè cuocere la pasta in padella, allora si cuoce in padella direttamente con il condimento e pochi mestoli di acqua da fare assorbire poco alla volta, proprio come nel caso di un risotto.

Quale pentola usare per cucinare la pasta

quale pentola usare per cuocere la pasta
Foto Shutterstock | Mehmet Cetin

Quale pentola per bollire la pasta? Uno degli errori nella cottura della pasta è usare una pentola sbagliata. Ogni formato di pasta necessita di un tipo di pentola adeguata.

Ad esempio la pasta lunga come spaghetti, vermicelli o trenette andrà cotta in una pentola alta e stretta. I ravioli e gli gnocchi prediligono una casseruola ampia e larga. A proposito, sai che origine hanno i nomi della pasta? Effettivamente alcune hanno dei nomi tanto particolari!

Mentre una pasta corta o la pastina in brodo possono tranquillamente essere cotte in una pentola bassa. Sono comode le pentole con scolapasta integrato, ma anche quelle classiche sono perfette per lo scopo.

Quanto sale serve e quando aggiungerlo

quando aggiungere sale per cuocere la pasta
Foto Shutterstock | Africa Studio

Quando aggiungere il sale alla pasta? Il sale va aggiunto in un momento preciso, e cioè né ad acqua fredda, né ad acqua già bollente, né quando la pasta è già in cottura, ma esattamente quando l’acqua comincia a fare le prime bollicine.

Altra domanda fondamentale: quanto sale usare per la pasta? La dose esatta è di 7 grammi ogni 100 grammi di pasta.

Quando si cala la pasta

quando si cala la pasta
Foto Shutterstock | dibettadifino

La pasta va calata con l’acqua in piena ebollizione e deve continuare a bollire vivacemente, quindi a fiamma medio alta (ma sempre sotto la pentola e mai sui bordi) cioè non deve perdere il bollore.

Mescolatela spesso per evitare che si attacchi. Non serve a nulla aggiungere dell’olio per questo scopo, è uno spreco inutile. Inoltre non usate coperchi, la pasta deve bollire a pentola scoperta.

Perché la pasta non va risciacquata

Insalata di pasta fredda estiva
Foto Shutterstock | Anna Puzatykh

Perché sciacquare la pasta dopo la cottura? Qualsiasi sia la vostra ricetta (uno spaghetto al sugo, una pennetta alle verdure, un bucatino all’amatriciana o un’insalata fredda) la pasta non va mai, mai, e ripetiamo mai sciacquata sotto l’acqua.

Il perché è semplice: si perdono gli amidi e il sapore acquisito con la cottura in acqua salata. Se ti serve fare un’insalata di pasta fredda puoi semplicemente scolarla al dente, condire con un filo di olio (per non farla attaccare) e lasciarla raffreddare in un contenitore ampio.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.