Scarcedda pugliese

Scarcedda pugliese

  • default-difficolta
  • default-
  • 1 Persone
  • n.d.

Ricetta per preparare la Scarcedda un dolce che si prepara secondo la tradizione pugliese durante il periodo pasquale, un tempo quando si avvicinava la Pasqua i ragazzini per le strade cantavano: “Pasque, Pasque, vìine cherrenne. / Le peceninne vonne chiangenne. / Vonne chiangenne che ttutte u core / Scarcedde che ll’ove, scarcedde che ll’ove” che vuol dire “Pasqua, Pasqua, vieni presto. I bambini vanno implorando, vanno implorando di tutto cuore: scarcedde con l’uovo, scarcedde con l’uovo”. Vediamo come prepararle!

Ingredienti

  • 500 gr di farina
  • un pizzico di sale
  • 100 gr di zucchero
  • 100 gr di olio d'oliva
  • 2 tuorli d'uovo
  • latte tiepido
  • 2 uova intere
  • zucchero
  • olio per ungere la teglia
  • 500 gr. di zucchero
  • acqua q.b.
  • 2 albumi
  • limone
  • zuccherini colorati

Preparazione

 
Mettete la farina a fontana su una spianatoia, fate un incavo al centro e versare il sale, lo zucchero, l’olio e i tuorli, impastate bene e aggiungete il latte poco per volta fino ad avere un impasto della consistenza giusta.  
A questo punte togliete un pezzetto di impasto e dividete tutto il resto in tre parti uguali, fate 3 cilindri e intrecciateli poi uniteli alle due estremità a formare una ciambella.  
Affondate un uovo con il guscio e poi con la pasta che avevate messo da parte fate delle striscioline e incrociatele sopra l’uovo.  
In una ciotolina sbattete un uovo con un cucchiaio di zucchero e pennellate la scarcedda, ungete di olio la teglia, oppure usate la carta da forno, e infornate a 230°C per circa 30 minuti. In teoria si dovrebbe mettere un uovo per ogni commensale ma io direi che 1 o 2 vanno benissimo!  
Nel frattempo preparate la glassa, mettete lo zucchero in una padella e ricopritelo di acqua, fate cuocere a fuoco dolce mescolando in continuazione, appena giungerà ad ebollizione prendete un cucchiaino di composto e mettetelo su un piatto, se non si spande vuol dire che la glassa è pronta altrimenti fate cuocere un altro po’.  
Montate a neve ben ferma gli albumi e poi aggiungeteli gradualmente al composto di zucchero mescolando dal basso verso l’alto, spruzzate un po’ di succo di limone per avere una glassa luminosa e con i riflessi. Trasferite la glassa in una ciotola di vetro e continuate a mescolare fino a raggiungere la consistenza giusta.  
Versate la glassa sulla scarcedda e decorate con degli zuccherini colorati. Oltre alla classica forma a cimbella si preparano anche a forma di colombe, pecorelle, cestini e panieri.  
Foto da: cucina.ilbloggatore.com www.laterradipuglia.it www.manigrasso.it  

Parole di Serena Vasta

Da non perdere