Gueffus - Sospiri sardi

Gueffus dolcetti colorati sardi

Foto Shutterstock | marcociannarel

  • facile
  • 1 ora e 15 minuti
  • 6 Persone
  • 358/porzione

I Gueffus o Guelfus sono dolcetti alle mandorle, tipici della piccola pasticceria sarda, facilissimi da preparare anche in casa. Il sapore predominante è, come per i sospiri, quello delle mandorle, con un retrogusto liquoroso. Serviteli con un bicchierino di Fil’e ferru, la grappa sarda.

Ingredienti

  • mandorle pelate e tritate finemente 300 gr
  • zucchero 300 gr
  • limone (scorza grattugiata) 1
  • acqua di fiori d'arancio 2 cucchiai
  • liquore al cedro q.b.

Preparazione

  1. Prima di tutto preparate uno sciroppo con metà dello zucchero e mezzo bicchiere di acqua.

  2. Fatelo raddensare su fiamma moderata e quando avrà assunto una consistenza abbastanza densa, unite la scorza di limone grattugiata, l’acqua di fiori d’arancio, la farina di mandorle e, se volete, qualche goccia di liquore al cedro.

  3. Amalgamate con un mestolo e fate sobbollire per altri 5 minuti, fino ad ottenere un impasto piuttosto asciutto.

  4. Fate raffreddare il composto nella stessa pentola o su un ripiano foderato con carta da forno.

  5. Quando sarà tiepido, ricavatene delle palline grandi come noci, rigirando un poco di composto fra le mani umide.

  6. Mano a mano che formate le palline fatele rotolare in un vassoio cosparso con il rimanente zucchero.

  7. Se volete confezionarle secondo la tradizione, ritagliate dei quadrati di carta metallizzata e velina colorata; incartate i gueffus prima con la carta metallizzata e poi con la carta velina, disponendola a forma di caramella e sfrangiandola ai bordi con le forbici.

Parole di Anita Borriello

Appassionata di libri e computer: unisce l'amore per entrambi studiando Informatica Umanistica presso l'Università di Pisa. Lavora dal 2003 come Redattrice e Copywriter scrivendo testi per numerose testate online. Lettura, scrittura e tiro con l'arco sono le sue più grandi passioni.