Bignè di San Giuseppe

bigne di san giuseppe fritti e al forno

Foto Shutterstock | 54613

  • facile
  • 40 minuti
  • 6 Persone
  • 280/porzione

A Roma, per la festa del papà, il 19 marzo si fa la ricetta dei bignè di San Giuseppe, dolcetti fritti molto simili alle zeppole che sono talmente squisiti che uno tira l’altro, come le ciliegie! Cos’hanno di diverso bignè di San Giuseppe e zeppole? La forma e il modo di essere farciti. In sostanza l’impasto di questi due golosissimi dolci è identico, la pasta choux. Entrambi si fanno fritti nella ricetta tradizionale, anche se tanti preferiscono cuocerli al forno. Ma mentre i bignè di San Giuseppe hanno la forma rotonda dei classici bignè della domenica, seppur di dimensione gigantesca, le zeppole di San Giuseppe sono a forma di ciambella e vengono impreziositi con l’amarena sciroppata. La farcitura prevede l’uso di una vellutata crema pasticcera che renderà indimenticabile il primo morso, così come l’ultimo! Per celebrare al meglio la Festa del papà, anche se non siete a Roma, il 19 marzo preparate con noi i bignè di San Giuseppe fritti o al forno, di seguito trovate tutti i trucchi per farli alla perfezione!

LEGGI ANCHE: DOLCI FRITTI, I PIÙ GOLOSI PER LA FESTA DEL PAPÀ

Ingredienti

  • uova grandi 6
  • farina 200 gr
  • burro 100 gr
  • acqua 250 ml
  • limone bio 1
  • sale fino 1 pizzico
  • zucchero semolato 1 cucchiaio colmo
  • olio di semi per friggere qb
  • zucchero a velo qb
  • Crema pasticcera 600 ml

Preparazione

  1. Preparate la crema pasticcera seguendo la nostra ricetta. Mettete da parte e fate raffreddare completamente.

  2. Per l'impasto dei bignè di San Giuseppe: versate in una casseruola l’acqua, unite il burro, lo zucchero, il sale, quindi poggiatela su un fornello medio ed accendete la fiamma. Portate a bollore.

  3. Una volta raggiunto e sciolto tutto il burro, allontanate la casseruola dalla fiamma e unite, tutta in una volta, la farina 00. Iniziate fin da subito a lavorare con un cucchiaio di legno per incorporarla al meglio e fare sciogliere tutti i grumi. Trasferitela di nuovo sul fornello e continuate a mescolare su fiamma bassa per circa 5 minuti: il composto si staccherà dalle pareti.

  4. Ottenuta una palla liscia, allontanatela dal calore e trasferitela in una ciotola capiente. Una volta fredda, unite la scorza grattugiata del limone e le uova, una alla volta e solo dopo che la precedente è stata completamente assorbita. Dovete ottenere un composto liscio e colloso.

  5. Fate scaldate abbondante olio in un tegame o padella dai bordi alti, quindi, una volta raggiunta la temperatura, prelevate dall'impasto delle palline porzionandole con l'aiuto di due cucchiai. Lasciatele friggere fino a quando saranno gonfie e dorate, quindi scolatele e mettetele a perdere l’eccesso di unto sulla carta da cucina.

  6. Se volete fare i bignè di San Giuseppe al forno, mettete l'impasto in una sac a poche e formate dei mucchietti da 7 cm di diametro, distanziati tra loro, su una teglia ricoperta di carta forno. Cuocete nel forno caldo a 200° per i primi 10 minuti, poi abbassate a 190° e continuate la cottura per altri 10 minuti. Spegnete il forno e lasciate i bignè all’interno per altri 3 minuti, lasciando lo sportello semiaperto.

  7. Quando saranno freddi, farcite i bignè con la crema pasticcera, spolverateli con lo zucchero a velo e servite.

Varianti dei bignè di San Giuseppe

sfinci di san giuseppe palermitana

Foto Shutterstock | lauro55

I bignè di san Giuseppe alla ricotta, rappresentano una variante siciliana di tutto gusto e si chiamano sfince di San Giuseppe. In questo caso vengono riempiti con la crema di ricotta – con canditi e/o gocce di cioccolato – e spolverati con il consueto zucchero a velo. Un’altra versione sicuramente deliziosa è costituita dai bignè di San Giuseppe al cioccolato: dopo averli fritti farciteli, invece della crema classica, con della crema al cioccolato: pura goduria.

Potrebbe interessarti anche

Zeppole di San Giuseppe

Foto Shutterstock | ppi09

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.