Pasta speck e trevisana

pasta speck e trevisana

  • media
  • 30 minuti
  • 4 Persone
  • 410/porzione

La pasta con speck e trevisana è una facile e veloce ricetta per preparare un gustoso primo piatto. La trevisana o insalata trevisana detta anche radicchio trevisano si può consumare anche cotta e con il suo intenso colore e gusto leggermente amarognolo permette di preparare piatti saporiti ed insoliti, come questa pasta.

Ingredienti

  • 360 gr di pasta secca corta
  • 400 gr di insalata trevisana, chiamata anche radicchio di Treviso
  • 200 ml di panna liquida del tipo da montare, non quella da cucina
  • 100 gr di speck tagliato in una unica fetta
  • una cipolla bianca
  • 60 gr di burro
  • 25 gr di pinoli
  • timo fresco q.b.
  • pepe q.b.
  • sale q.b.

pasta speck e trevisana

Preparazione

  1. Pulite, lavate la trevisana e tagliatela a pezzettini
  2. Tagliate lo speck a cubetti, dopo aver eliminato la cotenna
  3. Pulite, lavate la cipolla ed affettatela sottilmente
  4. Fate tostare brevemente i pinoli in una padella antiaderente senza aggiungere alcun condimento
  5. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, quando bollirà salatela e gettatevi la pasta
  6. Nel frattempo, mettete in un tegame il burro, la cipolla e lo speck e fate cuocere il tutto a fuoco molto dolce, mescolando di frequente, per una decina di minuti
  7. Alzate la fiamma, unitevi la trevisana e fatela appassire
  8. Salate e pepate
  9. Versate la panna nel tegame con il sugo di radicchio e speck, mescolate e fate cuocere ancora un paio di minuti
  10. Scolate la pasta, fatela saltare nel tegame con il sugo al radicchio unendo i pinoli tostati e un cucchiaio circa di foglioline di timo fresco
  11. Versate la pasta in quattro piatti, decorate con qualche rametto di timo e servite subito
L’insalata trevisana e gli altri radicchi La trevisana come detto prima è un particolare tipo di radicchio, caratterizzato dal colore rosso, dalle foglie con una costa carnosa bianca e dal gusto piacevolmente amarognolo; per queste sue caratteristiche si presta ad essere utilizzata cotta in diverse ricette. Per un buon risultato ogni volta che deve essere cotto non confondetelo o sostituitelo con altri tipi di radicchi, come il radicchio di Chioggia rosso anche lui ma con forma tondeggiante, il radicchio di Castelfranco con grandi cespi di un bel colore verde chiaro screziato di rosso, ed il radicchio verde o da taglio (venduto a mazzetti e non a cespi); tutti questi sono ottimi crudi ma una volta cotti si disfano e hanno poco sapore.  
Foto di slowpoke_taiwan