Spritz

Bicchiere di spritz con arancia e ghiaccio

Foto Shutterstock | etorres

  • facile
  • 10 minuti
  • 1 Persone
  • 91/porzione

Lo spritz è sicuramente uno degli aperitivi più bevuti in Italia e il motivo del suo successo è sotto gli occhi di tutti: è fresco, colorato, leggermente alcolico e si prepara facilmente. Perché non prepararlo anche a casa proprio come al bar per un aperitivo con gli amici? Gli ingredienti dello spritz sono pochi e il procedimento è semplice: noi vi spiegheremo come preparare la ricetta originale dello spritz con Aperol e prosecco, ma anche qualche variante da non sottovalutare, ad esempio con il Campari oppure in versione analcolica. Infatti, per essere precisi, dovremmo parlare di spritz al plurale, dal momento che ne esistono diverse varianti e che, oltre a questo, ogni barman ha la sua ricetta particolare per preparare questo cocktail.

Ingredienti

  • prosecco 60 ml
  • aperol 40 ml
  • arancia 1
  • acqua di seltz o soda q.b.
  • cubetti di ghiaccio q.b.

Preparazione

  1. Tagliate l'arancia (compresa la buccia) in fette sottili privandole dei semi.

  2. Prendete un bicchiere, a scelta tra un tumbler o un bicchiere da vino molto grande, e riempitelo di cubetti di ghiaccio.

  3. Versate nel bicchiere il Prosecco, aggiungete una spruzzata di seltz oppure uno schizzo di soda, ed infine l'Aperol.

  4. Decorate con la fetta di arancia e servite subito accompagnando il cocktail con degli stuzzichini salati.

Spritz, le varianti della ricetta originale veneta

Cocktail rosso: le varianti della ricetta dello spritz

Foto Shutterstock | Oxana Denezhkina

Se volete un aperitivo alcolico semplice o un cocktail fatto in casa che accontenti tutti potete puntare su uno spritz classico oppure su una delle sue tante varianti. Se volete un gusto più amaro e un bel colore rosso intenso potete puntare su uno spritz con il Campari, mentre con il Martini Rosso si ottengono un colore e un sapore ancora più intensi. Anche il prosecco può essere sostituito con un altro vino frizzante, come ad esempio uno spumante, o addirittura con del vino  bianco fermo, scegliendo magari un buon bianco aromatico. Lo volete più leggero ma non volete preparare uno spritz analcolico? Alleggeritelo usando metà vino e metà acqua frizzante o seltz. In estate potete prepararlo con della granita al limone al posto del ghiaccio, mentre in autunno perché non puntare su una versione al melograno? Non sarà il classico spritz veneziano ma sarà ugualmente buono. Un’alternativa allo spritz tradizionale potrebbe essere anche Hugo, un cocktail da preparare con prosecco e sciroppo di sambuco.

Ricetta spritz con Campari: ingredienti e dosi

Per questa variante dello spritz, le dosi prevedono 5 parti di prosecco, 3 di Campari e 2 di acqua gassata. Il procedimento per prepararlo è molto semplice: riempite il vostro bicchiere con del ghiaccio, versatevi sopra prosecco, Campari e acqua gassata e mescolate delicatamente appena prima di servire, guarnito con l’immancabile fettina di arancia. Per un sapore leggermente più amarognolo potete usare seltz o acqua tonica al posto dell’acqua gassata.

Hugo: il cocktail trentino

Lo spritz ricetta classica ha anche una versione trentina, e più precisamente di Bolzano, chiamata Hugo. La differenza? Il suo ingrediente principale è il succo di fiori di sambuco, che danno un sapore inconfondibile, fresco e leggero, a questo cocktail super estivo. L’unica cosa a cui prestare attenzione è che gli ingredienti siano sempre molto freddi.

Spritz con Martini, la ricetta

Un’altra alternativa alla ricetta spritz Aperol è quella che vede come protagonista il Martini Rosso, per un risultato più saporito e dal colore più intenso. È ideale sia come aperitivo che come after dinner e la sua preparazione è facile e veloce, anche per coloro che non sono bravissimi nel preparare drink alcolici. Potete usare anche il Martini rosato per un risultato dal colore e dal sapore più delicato. Il bicchiere da usare in questo caso è il ballon oppure un bicchiere a tulipano.

Ricetta spritz senza soda: con cosa si può sostituire?

Spesso, quando si parla di come fare uno spritz a regola d’arte, si consiglia di usare la soda. Se non avete un sifone potete sostituire semplicemente la soda con dell’acqua gassata molto frizzante, ma tenete conto che questo strumento non è poi così difficile da trovare, anche al supermercato e persino in versione monouso.

Ricetta spritz bianco: ingredienti e procedimento

Lo spritz bianco può essere considerato un vero e proprio spritz? Tra gli ingredienti mancano infatti sia l’Aperol che il Campari e la base alcolica è costituita dal solo vino bianco. Anche il vino può essere scelto a vostro piacere, quindi questo cocktail avrà un sapore diverso a seconda del vostro stato d’animo e della bottiglia che avrete stappato. Preparatelo così: mescolate nel bicchiere vino bianco fermo, soda e succo di limone, oppure vino bianco fermo e gassosa, con tanto ghiaccio.

Cocktail analcolico

Vi state chiedendo come preparare un aperitivo analcolico? Allora sarete contenti di sapere che esiste anche lo spritz analcolico. In questo caso la parte alcolica può essere sostituita da succo d’arancia fresco e bitter oppure dargli un sapore ancora più deciso aggiungendo una parte di succo di melograno. Potete ottenerlo anche in casa, frullando dei chicchi di melograno con un po’ di zucchero di canna.

Le origini dello spritz

Vi siete mai chiesti come è nato lo spritz e perché si chiama così? Lo spritz nasce in Veneto, da dove si è diffuso in tutto il mondo. Le sue origini risalgono al 1.800, quando le truppe dell’impero austriaco nel Regno Lombardo Veneto erano solite allungare i vini locali con una spruzzata (spritzen) di acqua frizzante, dal momento che trovavano troppo elevata la gradazione alcolica per i loro gusti. Praticamente nessuna variante dello spritz, quindi, dovrebbe superare gli 11°.

LEGGI ANCHE:
COCKTAIL ANALCOLICI: LE RICETTE MIGLIORI
MARTINI ROYAL
MOJITO CLASSICO

Parole di Francesca Scarabelli

Giornalista per vocazione, da anni mi occupo di scrittura per il web, spaziando a 360 gradi tra settori e argomenti. Tra le mie più grandi passioni ci sono la scrittura, la lettura, la fotografia e la vita all'aria aperta.