Trofie al pesto

Trofie al pesto

  • facile
  • 30 minuti
  • 2 Persone
  • 680/porzione
  • Vegetariana

Dalla cucina ligure arriva la ricetta per le trofie al pesto, uno dei modi migliori di gustare questa salsa verde e profumata. Le trofie sono un tipo di pasta fresca particolarmente indicate per il pesto, assieme alle trenette (una specie particolare di bavette) e le lasagne, e abbiamo voluto farvele conoscere. Sono degli gnocchetti serpentiformi fatti con farina, acqua e sale tipiche della Liguria di Ponente, e a volte sono detti anche trofiette o gnocchetti di Recco (paese sulla costa tra Genova e Portofino). Invece parlando di pesto attenzione, quello nei barattoli pubblicizzati non è esattamente quello che si preparare usando il basilico di Prà, i pinoli di Pisa e l’olio d’oliva extra vergine della Riviera Ligure.

Ingredienti

  • 150/200 g. di trofie
  • 1 cucchiaio di pesto genovese
  • olio e burro q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • sale q.b.

Trofie al pesto

Preparazione

  1. Portate a bollore l’acqua, salatela e gettatevi le trofie
  2. Mettete il pesto in una ciotola
  3. Unitevi a piacere un po’ di burro e/o di olio e di parmigiano
  4. Aggiungete un pochino di acqua di cottura della pasta
  5. Mescolate per ottenere una salsina omogenea
  6. Scolate la pasta e gettatela nella ciotola con il pesto, mescolate per condirla
  7. Servite accompagnando a piacere con altro parmigiano
L’arte ligure di ottenere piatti prelibati da ingredienti “poveri” si dimostra anche nelle trofie di castagne, preparate sostituendo parte della farina di frumento con quella di castagne, e qui trovate la ricetta delle trofie di castagne. Il termine trofie a volte in Liguria viene usato come sinonimo di gnocco, e quindi potreste sentire parlare di trofie di patate, da servire rigorosamente con il pesto. Invece le trofie bianche usate qui con il pesto, sono eccellenti anche con un sugo di pesce, oppure condite con il caviale di olive.  
Foto di Kathy

Parole di GIeGI

Da non perdere