Taralli con la glassa

Taralli con la glassa

Foto Shutterstock | al1962

  • facile
  • 5 ore
  • 6 Persone
  • 410/porzione

I taralli con la glassa sono dei tipici dolci di Pasqua, la ricetta che vi proponiamo noi è quella tradizionale pugliese con i taralli cotti in acqua bollente, passati in forno e poi ricoperti di glassa (anche detta Gilepp). Se però volete sperimentare una cottura differente, come quella della tradizione siciliana o calabrese, potreste cuocerli direttamente in forno statico preriscaldato a 180° per circa 15 minuti (oppure finché non saranno belli dorati). Fragranti e dolci al punto giusto: i taralli all’anice ricoperti di zucchero sono un dolcetto sfizioso perfetto da gustare durante le vacanze pasquali e ottimi da offrire agli ospiti. Potrete realizzare dei cerchietti grandi o piccoli, a vostra scelta, l’importante è che i taralli vengano ricoperti da glassa di zucchero e – se volete – spolverizzati con zuccherini colorati.

Ingredienti

  • farina 00 500 gr
  • uova 5 + 2 albumi
  • olio extravergine di oliva 100 ml
  • sale 1 cucchiaio raso
  • zucchero 1 cucchiaio raso
  • liquore all'anice 30 ml
  • scorza grattugiata di limone 1
  • bicarbonato 1 cucchiaino
  • zucchero a velo 350 gr
  • succo di limone 1 cucchiaino filtrato
  • vanillina 1/2 bustina
  • Zuccherini colorati (facoltativo) q.b.

Preparazione

  1. Mettete in una coppa dell’impastatrice le uova sgusciate, l'anice, il sale, lo zucchero semolato e il bicarbonato, lavorare con le fruste fino ad ottenere un impasto liscio e gonfio.

  2. Aggiungete a filo l’olio e continuare a lavorare l’impasto, unite tutta la farina nella coppa, impastate finché non si formerà un impasto liscio e omogeneo.

  3. Mettete l'impasto su una spianatoia e lavoratelo a mano per 10 minuti.

  4. Formate con più pezzi di impasto dei piccoli cilindri di 2-3 cm di diametro e lunghi 10 cm. Devono sembrare dei bastoncini di impasto.

  5. Create con ogni cilindro un anello chiudendo e sigillando bene il vostro tarallo alle due estremità. Lasciateli poi riposare su una spianatoia almeno due ore.

  6. Portate a bollore una pentola capiente con abbondante acqua, abbassate la fiamma, versare 3 taralli alla volta nell’acqua bollente e aspettare che tornino a galla, toglieteli con una schiumarola e fateli asciugare su carta assorbente.

  7. Nel frattempo preparate la glassa Gilepp, lavorando con una frusta elettrica gli albumi con lo zucchero a velo e la vanillina. Quando il composto sarà ben gonfio aggiungete il succo di limone e montate ancora per un minuto.

  8. Preriscaldate il forno a 200°, su una placca con carta da forno mettete i taralli ben distanziati, perché si gonfieranno, cuoceteli per circa 10 minuti.

  9. Quando si saranno gonfiati: abbassate la temperatura a 170° e continuate la cottura per altri 20 minuti o comunque finché non li vedrete belli dorati.

  10. Sfornateli e fateli raffreddare su una gratella e, una volta freddi, glassate la superficie intingendo con una pinza i vostri taralli nel composto di albumi, zucchero a velo, vanillina e limone.

  11. Dopo averli glassati, se volete, decorate con gli zuccherini colorati, infine lasciate asciugare per almeno un'ora prima di servire i vostri taralli con glassa agli ospiti.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Biscotti a forma di cuore con decorazioni in glassa reale

Foto Shutterstock | didesign021

Parole di Anita Borriello

Appassionata di libri e computer: unisce l'amore per entrambi studiando Informatica Umanistica presso l'Università di Pisa. Lavora dal 2003 come Redattrice e Copywriter scrivendo testi per numerose testate online. Lettura, scrittura e tiro con l'arco sono le sue più grandi passioni.