Impasto per la pizza

Impasto per la pizza

Tempo:
15 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
3 Persone
Calorie:
270 Kcal/100gr

    Per realizzare una squisita pizza vi proponiamo non solo la ricetta dell’impasto della pizza ”veloce”, cioè che necessita solo di 2 ore di lievitazione, ma anche il classico impasto che prevede 24 ore di lievitazione. La pizza è una delle pietanze che caratterizzano l’Italia all’estero e che la gastronomia internazionale riconosce come uno dei migliori piatti italiani. La pizza fatta in casa è prelibata e molte volte è decisamente più apprezzabile di quella venduta in molte pizzerie o rosticcerie. Ovviamente l’impasto della pizza lasciata lievitare 24 ore sarà non solo più fragrante, ma anche molto più digeribile, visto che l’utilizzo del lievito di birra sarà veramente ridotto. L’impasto inoltre risulterà molto più maneggevole rispetto all’altro, anche se è opportuno dire che in entrambi i modi il risultato sarà garantito, e potrete sfornare un’ottima e genuina pizza fatta in casa.

    Ingredienti

    Ingredienti Impasto per la pizza per tre pesone

    • 400 gr di farina
    • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
    • Una presa di zucchero
    • 20 gr di lievito di birra
    • 270 ml circa di acqua tiepida
    • Mezzo cucchiaino di sale

    Ricetta e preparazione

    Come fare l' Impasto per la pizza

    Setacciare la farina versandola direttamente su di una spianatoia di legno o su un qualsiasi ripiano di lavoro ben pulito.

    Formare poi un buco in mezzo in cui aggiungere lo zucchero.

    Porre l’acqua in un pentolino e farla scaldare tra i 15 e i 20°C.

    Versare tre quarti dell’acqua in una piccola ciotola dove si andrà a sciogliere il lievito di birra. Al restante liquido andrà aggiunto il sale.

    Versare l’olio nel buco, mescolandolo alla farina e cominciare ad amalgamarlo con una forchetta, unendo poca farina dai bordi della fontana.

    Versare poi l’acqua con il lievito sciolto direttamente su questo impasto di olio e farina, ma gradatamente, e cominciare ad amalgamare gli ingredienti, utilizzando a questo punto le mani, in modo tale da incorporare perfettamente la farina agli altri ingredienti.

    Dopo aver aggiunto mano a mano tutta l’acqua necessaria ed aver già cominciato ad impastare il composto, aggiungere l’acqua con l’aggiunta di sale e continuare a lavorare energicamente fino ad ottenere un impasto morbido, sodo e liscio.

    Ricavare un palla ben elastica da riporre in luogo tiepido e lasciare lievitare al riparo da correnti d’aria per circa 2 ore, fino a che non sarà raddoppiata di volume si può mettere l’impasto in una ciotola molto capiente e coprirla prima con pellicola e poi con un canovaccio, se la temperatura dell’ambiente dovesse essere eccessivamente fredda.

    280/300 ml d’acqua tiepida a 20 gradi

    Mezzo gr di lievito di birra

    1 cucchiaino colmo di sale

    150 gr di farina di forza (manitoba)

    250 gr di farina 00

    Setacciare i due tipi di farina in una terrina piuttosto larga, praticare un foro nel mezzo.

    In un bicchiere versare 250 ml di acqua e aggiungere il lievito di birra. Nel rimanente liquido andrà sciolto il sale.

    Versare l’acqua con il lievito all’interno del foro, nella terrina, e cominciare ad incorporare la farina, dapprima con l’aiuto di una forchetta, poi direttamente con le mani. In ultimo versare il bicchiere di acqua con il sale e procedere ad ammassare l’impasto, trasferendolo sul piano di lavoro pulito e leggermente infarinato.

    Maneggiare l’impasto della pizza con molto vigore, allargandolo con i pugni e poi ripiegandolo su se stesso, in modo tale da fare incorporare molta aria al suo interno.

    Sbatterlo più volte dall’alto verso il basso, prendendolo e facendolo ricadere sul piano di lavoro.

    Procedere in questo modo per circa 20/30 minuti (se si ha a disposizione un’impastatrice questo passaggio risulterà molto meno faticoso), poi mettere a riposo l’impasto morbido e sodo nella terrina infarinata, coprire con della pellicola e lasciare riposare per circa 12 ore nel frigo, nello scomparto meno freddo.

    A questo punto riprendere l’impasto e lavorarlo ancora vigorosamente per un quarto d’ora, poi dividerlo in due o tre pagnottine e porre a lievitare nuovamente in posto fresco (se la temperatura esterna è calda rimettere in frigo) per altre 12 ore, al termine dei quali l’impasto per la pizza è pronto per essere steso e cotto (al forno o fritto).

    VOTA:
    3.7/5 su 5 voti