Frittura all'italiana

frittura all'italiana

Foto Shutterstock | pixelshop

  • facile
  • 1 ora e 30 minuti
  • 4 Persone
  • 580/porzione

La frittura all’italiana è una ricetta talmente variegata che ogni regione ha la sua variante, e possiamo dire che ogni famiglia ha una sua versione. Gli ingredienti che non possono mancare sono tanti, ma sicuramente vuoi sapere come fare un fritto misto degno di nota, allora diciamo che si tratta di un piatto composto da diversi tipi di carne, verdure di stagione e dolci fritti.

La panatura del fritto misto si realizza con uova, farina e pangrattato, ma ci sono anche delle ricette che prevedono la pastella. Tra le ricette di fritti questa è sicuramente una delle più golose e stuzzicanti, adatta a grandi occasioni e cene in famiglia o con gli amici.

Ingredienti

  • costolette di agnello 4
  • fettine di vitello 4
  • petto di pollo a fette 4
  • carciofi 2
  • zucchina 1
  • cime di cavolfiore 4
  • funghi champignon 4
  • melanzana 1
  • uova 4
  • farina q.b. per impanare qb
  • pangrattato qb
  • olio di semi di arachide qb
  • sale qb
  • limone 2
  • semolino 175 gr
  • zucchero 35 gr
  • latte 750 ml
  • burro 1 noce

Preparazione

  1. Inizia la preparazione della ricetta della frittura all'italiana preparando il semolino. Porta a ebollizione il latte con la scorza grattugiata di 1 limone, lo zucchero e la noce di burro.

  2. Allontana dal fuoco e versa il semolino a pioggia girando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Rimetti sul fuoco e fai cuocere a fuoco basso per una decina di minuti fino a che sarà abbastanza denso. A questo punto versalo in una teglia, livella e lascia riposare, da freddo taglialo in piccoli rombi.

  3. Pulisci le verdure, sbollenta il cavolfiore e i carciofi per 10 minuti. Taglia la zucchina e la melanzana a listarelle non troppo sottili, i carciofi in 8 spicchi, i funghi in 4 pezzi.

  4. Prepara 3 piatti capienti, in uno metti le uova sbattute, nel secondo la farina e nel terzo il pangrattato.

  5. Passa tutte le verdure, le costolette di agnello, le fette di vitello, le fettine di petto di pollo e il semolino tagliato a rombi prima nella farina, poi nell'uovo e infine nel pangrattato.

  6. In un ampio tegame versa abbondante olio di arachidi e quando è caldo (circa 170 gradi) friggi tutto poco per volta, iniziando dal semolino, poi friggi le verdure e infine le carni.

  7. Quando sono ben dorati scola ogni pezzo con l'aiuto di una schiumarola e sistema i fritti su un piatto con carta da cucina, in modo che perdano l'olio in eccesso. Aggiungi un pizzico di sale e servi la frittura all'italiana calda accompagnata dal limone rimasto tagliato a fettine.

Fritto misto all’italiana, le varianti regionali

fritto misto all'ascolana

Foto Shutterstock | FVPhotography

Le più famose sono il fritto misto piemontese fatto con le frattaglie, gli amaretti e le mele fritte, e il fritto misto ascolano con olive all’ascolana e crema fritta.

Poi c’è il fritto misto romano con fiori di zucca in pastella e i supplì di riso, il genovese con la salvia fritta e frisceu di lattuga, il cuoppo napoletano con mozzarella in carrozza, crocchette di patate e pasta cresciuta.

Potremmo continuare la lista, ma non possiamo non ricordare il frittura di paranza, variante sempre apprezzata da chi ama i sapori del mare.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrive per il web dal 2007 di cronaca italiana ed estera, politica e costume. La sua passione è la buona cucina, non solo le ricette della tradizione gastronomica italiana e internazionale ma anche piatti originali e particolari. Divide il tempo libero tra musica, cinema, libri e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti