Ricette dei dolci tradizionali per la Festa dei Morti

Ricette dei dolci tradizionali per la Festa dei Morti

ossa dei morti dolci tradizionali

Le nostre tradizioni propongono tante ricette per i dolci per la Festa dei Morti o per Ognissanti, e noi vi vogliamo proporre tutte quelle che abbiamo trovato, perché sarebbe veramente un peccato se fossero dimenticate e rimpiazzate da zucche e dolcetti-scherzetto. La notte tra il primo e il due novembre è ritenuta da sempre un giorno particolare, in cui si dice che i morti ritornano, e che offrire loro dei cibi per ristorarsi dal lungo e faticoso viaggio ce li renderà grati; da qui viene l’idea di preparare dei dolci speciali per loro. I nostri dolci dei morti sono in genere biscotti o pasticcini preparati con farina, zucchero, frutta secca, magari un pochino di cioccolato, e hanno nomi evocativi, come pane dei morti, ossa dei morti e fave dei morti.

Vi diamo le ricette che abbiamo trovato per i dolci per il Giorno dei Morti o di Ognissanti, tutti dolci piuttosto facili da preparare, golosi, e adatti ad essere regalati ai nostri bambini per festeggiare queste occorrenze, e possono essere anche una risposta tradizionale e non consumistica alla domanda “dolcetto-scherzetto”. Abbiamo trovato ricette di tante regioni italiane ed una che arriva dal Messico, uno speciale pane per il Giorno di Morti, ma se voi conoscete altre ricette per queste occorrenze, mandatecele e saremo felici di aggiungerle a questa raccolta.

Pane dei morti
pane dei morti dolce

Ingredienti

150 g. di burro
150 g. di biscotti tipo savoiardi
100 g. di fecola di patate
100 g. di amaretti del tipo secco
2 uova
80 g. di scorzetta di arancia candita
50 g. di fichi secchi
50 g. di uvetta
50 g. di cacao amaro in polvere
1 cucchiaio di spezie miste in polvere (cannella, chiodi di garofano e noce moscata)
zucchero a velo vanigliato q.b.

Preparazione

Riducete i due tipi di biscotti in briciole pestandoli con un batticarne, dopo averli messi in un sacchetto (non va bene ridurlo in polvere con un mixer).

Ammollate l’uvetta in acqua calda, poi scolatela bene. Tagliate le scorzette di arancia e i fichi a cubetti molto piccoli.

Mescolate le briciole di biscotti con la fecola, le spezie e il cacao. Unite l’uvetta, i fichi secchi, le scorzette di arancia, le uova e il burro morbido tagliato a cubetti. Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Con le mani infarinate formate dei biscotti oblunghi alti circa mezzo cm., deponeteli su una teglia coperta da carta forno bagnata e strizzata. Cuoceteli nel forno caldo a 160 gradi per circa mezzora. Spolverateli con lo zucchero a velo appena estratti dal forno, poi lasciateli raffreddare su una gratella.

Ossa dei morti
ossa dei morti dolce

Ingredienti

200 g. di mandorle sgusciate
150 g. di farina 00
150 g. di zucchero semolato
1 albume d’uovo
1 cucchiaino di cannella in polvere
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
vino dolce (per esempio del Marsala) q.b.
zucchero a velo q.b.

Preparazione

Private le mandorle della pellicina scura poi riducetele in polvere pestandole assieme a parte dello zucchero (potete comunque usare un mixer per fare questa operazione).

Riunite in una ciotola la farina di mandorle, lo zucchero rimasto, la farina 00 e le spezie. Mescolate bene il miscuglio. Unitevi l’albume montato a neve ben soda. Lavorate l’impasto unendo poco alla volta il vino dolce, fino ad ottenere una pasta soda e omogenea.

Formate delle ossa non più lunghe di 10 cm. usando l’impasto (se non siete bravissimi a modellare, potete limitarvi a fare dei cilindretti). Cuocetele nel forno caldo a 170 gradi per 30/40 minuti, ma sorvegliate la cottura.

Lasciatele raffreddare e poi spolveratele con lo zucchero a velo.

Tetù, i biscotti siciliani per i morti
Tetu biscotti siciliani morti

Ingredienti

½ kg. di farina
250 g. di zucchero a velo
150 g. di zucchero semolato
150 g. di mandorle sgusciate e private della pellicina scura
150 g. di strutto
2 albumi
1 uovo intero
2 o 3 cucchiai di cacao amaro in polvere
1 bustina di lievito per dolci in polvere
1 bustina di vanillina o il contenuto di una bacca di vaniglia
latte q.b.
1 pizzico di sale

Preparazione

Setacciate assieme la farina con il lievito in polvere, il sale e la vanillina. Poi unitevi lo zucchero semolato, le mandorle tritate finemente, l’uovo intero e lo strutto non freddo. Lavorate il tutto fino ad ottenere un composto abbastanza morbido, unendo il latte che serve.

Con l’impasto formate delle palline grandi circa come una noce, deponetele su una placca coperta con carta forno e cuocetele nel forno caldo a 170 gradi per circa mezzora.

Preparate la glassa sbattendo gli albumi con lo zucchero a velo (per evitare grumi setacciatelo sopra agli albumi mentre state sbattendoli), continuate a sbattere per almeno 10 minuti; se avete una planetaria o uno sbattitore elettrico ovviamente questa operazione diventerà molto più facile. Incorporate il cacao e sbattete ancora un pochino.

Spennellate i biscotti tiepidi con la glassa e passateli ancora nel forno a 150 gradi per 5 minuti.

A piacere potete fare metà biscotti scuri con la glassa al cacao e metà chiari con la glassa lasciata bianca.

Meini, i biscotti milanesi per i Santi
Meini biscotti santi

Ingredienti

300 g. di farina di mais finissima
200 g. di farina di grano tenero
2 uova
125 g. di burro
100 g. di fruttosio
100 g. di zucchero

Preparazione

Versate gli ingredienti secchi (farina di mais e di grano e i due tipi di zucchero) in una ciotola, e mescolateli con cura.

Aggiungete il burro morbido tagliato a cubetti e le due uova. Lavorate con le mani per una decina di minuti fino ad ottenere un composto omogeneo e abbastanza sodo.

Fate delle palline grosse come una noce con l’impasto, schiacciatele leggermente al centro e deponetele su una placca coperta da carta forno bagnata e strizzata. Cuocete per venti minuti nel forno a 200 gradi ventilato, poi riducete la temperatura a 160 gradi e continuate la cottura per altri dieci minuti.

Questi biscotti sono buoni tiepidi o freddi.

Colva, specialità pugliese per il Giorno dei Morti
colva dolce dei morti pugliese

Ingredienti

500 g. di grano (se non riuscite a trovarlo usate del farro, o alla disperata il grano già cotto che vendono per la pastiera)
cioccolato fondente di ottima qualità q.b.
mandorle e noci sgusciate q.b.
uva fresca q.b.
melagrana q.b.
cannella in polvere q.b.
vincotto pugliese q.b.

In questa ricetta il q.b. (quanto basta) dipende dai vostri gusti e dalla vostra disponibilità dei vari ingredienti.

Preparazione

Mettete il grano in ammollo per un giorno, poi lessatelo quando avrete deciso di preparare questo dolce. Lasciatelo nell’acqua di cottura fino all’ultimo minuto.

Fate a pezzetti le noci. Tostate le mandorle dopo averle private dalla pellicina scura e trituratele grossolanamente. Triturate molto grossolanamente anche il cioccolato. Sgranate l’uva ed eliminate i semini dai chicchi. Aprite la melagrana e con pazienza recuperate i chicchi rossi.

Riunite in una ciotola il grano cotto scolato, la frutta fresca e secca ed il cioccolato. Condite con del vincotto e mescolate il composto.

Servite dopo aver spolverato con la cannella in polvere.

Le fave dei morti con le mandorle
fave dei morti ricetta

Ingredienti

200 g. di farina
100 g. di mandorle sgusciate e private della pellicina scura
100 g. di zucchero
1 tuorlo d’uovo
una noce di burro
liquore dolce a piacere q.b.
buccia di limone (bio) grattugiata
della vanillina o del contenuto di bacca di vaniglia

Preparazione

Pestate le mandorle assieme allo zucchero (o frullatele nel mixer). Versate il tutto in una terrina, unite la farina, la buccia di limone grattugiata, la vanillina o la vaniglia ed il burro. Lavorate cercando di ottenere una pasta modellabile, unite un pochino di liquore per aiutarvi.

Formate dei cilindretti con l’impasto e poi tagliateli a pezzetti che schiaccerete leggermente al centro.

Spennellate le fave dei morti con il tuorlo d’uovo diluito con poca acqua, e cuocetele in forno caldo a 180 gradi per 10/15 minuti (alla fine dovranno avere un leggero colore dorato).

A piacere potete colorare le fave dei morti con del cacao o dei coloranti alimentari.

Pan de Muertos (il pane dei morti messicano)
pane dei morti dolce messicano

Ingredienti

600 g. di farina
4 uova intere
120 g. di burro morbido
100 g. di zucchero più quello per spolverare
1,2 dl. di latte intero
1,2 dl. di acqua tiepida
25 g. di lievito di birra
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaio di semi di anice
1 cucchiaino di sale

Preparazione

Diluite il lievito di birra con una parte dell’acqua prevista per la ricetta.

Scaldate il latte con il resto dell’acqua e il burro, fino a quando il burro sarà completamente fuso. Unitevi lo zucchero, il sale e i semi di anice sbattete il tutto per amalgamare bene i vari ingredienti. Aggiungetevi il lievito sciolto in acqua in precedenza.

Unitevi le uova e sbattete ancora il tutto, aggiungete 1/3 della farina, lavorate il tutto usando un cucchiaio di legno; poi continuate ad aggiungere la farina poca alla volta, sempre lavorando l’impasto.

Rovesciate l’impasto sulla spianatoia infarinata e lavoratelo energicamente fino a quando non sarà più appiccicoso, ci vorranno circa 10 minuti. Deponete l’impasto in una ciotola leggermente unta, copritelo con la pellicola alimentare, e mettetelo a lievitare in un luogo tiepido fino a quando non raddoppierà di volume (ci vorranno tra una e due ore).

Accendete il forno a portatelo a 180 gradi.

Rovesciate la pasta sulla spianatoia e sbattetela per farla sgonfiare. Dividetela a metà. Prendete dei pezzetti di pasta da una delle due metà e realizzate con esse un teschio con le tibie incrociate (la classica bandiera dei pirati), o se la cosa vi sembrasse difficile limitatevi a due ossa incrociate. Fate una pagnotta rotonda con la pasta rimasta e deponeteci sopra la decorazione “macabra” fatta prima. Procedete nello stesso modo con la seconda metà della pasta. Lasciate lievitare i due pani dei morti per un’altra ora su una teglia ricoperta da carta forno.

Sbattete il tuorlo d’uovo con un pochino di acqua e usatelo per lucidare i due pani. Cuoceteli nel forno caldo per 20 minuti. Lucidateli ancora con il tuorlo e spolverateli con dello zucchero. Continuate la cottura per almeno altri 20 minuti; saranno pronti quando avranno un bel colore dorato e se li batterete con le nocche suoneranno vuoti.

Fateli raffreddare completamente su una gratella prima di gustarli.

Bostrengo, il dolce umbro per la festa di Ognissanti
bostrengo dolce umbro ognissanti

Ingredienti

350 g. di farina di mais macinata fine
100 g. di uvetta
100 g. di zucchero
2 mele renette
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva dal gusto delicato
50 g. di pinoli italiani, evitate quelli cinesi che non sanno di nulla
burro per la teglia
sale q.b.

Preparazione

Portate a bollore un litro di acqua, salatela leggermente, poi versateci a pioggia la farina di mais mescolando con una frusta, aggiungete l’olio e portate a cottura questa polenta sempre mescolando (ci vorranno circa venti minuti).

Sbucciate le mele e tagliatele a fettine, unitele alla polenta assieme allo zucchero, ai pinoli e all’uvetta, mescolate bene e togliete dal fuoco.

Versate questa speciale polenta dolce in una teglia imburrata facendo in modo di raggiungere uno spessore di circa 3 cm.

Cuocete questo dolce umbro nel forno caldo a 180 gradi per mezzora, e gustatelo freddo.

Torrone dei morti napoletano
torrone dei morti napoletano

Ingredienti

400 g. di cioccolato bianco di ottima qualità
200 g. di cioccolato fondente ovviamente sempre di ottima qualità
400 g. di crema di cioccolato alle nocciole (o Nutella o ancora meglio di altri produttori specialisti nel cioccolato di alta qualità)
200 g. di nocciole sgusciate

Preparazione

Private le nocciole della pellicina scura che le ricopre poi tostatele.

Fate fondere il cioccolato fondente e usatelo per ricoprire le pareti di uno stampo tipo plumcake (possibilmente di silicone). Mettetelo in frigorifero per far solidificare il cioccolato. Ripete il procedimento varie volte fino a terminare il cioccolato fondente.

Fondete anche il cioccolato bianco ed unitevi la crema di cioccolato e le nocciole. Versate il tutto nello stampo rivestito di cioccolato scuro. Fate solidificare in un luogo fresco (ma non in frigorifero).

Al momento di servire capovolgete il torrone su un piatto da portata e tagliatelo a fette.

Pane dei santi, dolce toscano

Pane dei santi dolce toscano

Ingredienti

½ kg. di farina
200 g. di zucchero
200 g. di uva sultanina
200 g. di gherigli di noce
150 g. di mandorle sgusciate
125 g. di amido di mais (Maizena)
125 g. di amido di frumento (frumina)
7 cucchiai di olio d’oliva extra vergine d’oliva dal gusto molto delicato
1 uovo
2 cucchiai di miele fluido
1 cubetto di lievito di birra
30 g. di burro
1 cucchiaio di semi di anice
2 cucchiaini di pepe macinato o pestato al momento
1 pizzicone di sale fine

Preparazione

Diluire il lievito in 1 dl. di acqua tiepida. Poi riunite in una ciotola la farina i due tipi di amido, lo zucchero e il sale, mescolate il tutto. In un’altra ciotola mescolate 1,5 dl. di acqua tiepida, l’olio, il miele, e il burro morbido. Incorporate il miscuglio liquido in quello secco, iniziate a lavorare l’impasto e poi versateci l’acqua con il lievito. Lavorate l’impasto a lungo e con energia fino a quando non sarà più appiccicoso. Fatelo lievitare in un luogo tiepido fino a quando raddoppierà di volume, ci vorranno tra una e due ore.

Riprendete l’impasto, sbattetelo sulla spianatoia per farlo sgonfiare, unitevi la frutta secca (noci, mandorle e uva sultanina) e le spezie (pepe e anice). Formate tanti piccoli pani dei santi oppure un pane unico e lucidateli con il tuorlo d’uovo sbattuto con un pochino di acqua. Fateli lievitare ancora per tre quarti d’ora, sempre in un luogo tiepido.

Cuocete i pani dei santi nel forno caldo a 180 gradi per circa tre quarti d’ora. Fate raffreddare i pani dei santi su una gratella prima di gustarli.

Parole di GIeGI