come cucinare la quinoa peperoni ripieni di quinoa

Come cucinare la quinoa: consigli, metodi e ricette

Una piccola guida completa e preziosa per imparare a cucinare la quinoa. Vediamo come prepararla per la cottura, come cuocere la quinoa alla perfezione senza sbagliare e in quali ricette possiamo usarla al meglio.

1 di 1

1 di 1

come cucinare la quinoa peperoni ripieni di quinoa
Foto Shutterstock | SEAGULL_L

Come cucinare la quinoa ed in quali ricette utilizzarla? La domanda è più che lecita di fronte ad un alimento piuttosto insolito per noi, se paragonato a pasta o riso. Eppure le sue origini sono antichissime: si ritiene fosse già coltivata dagli Inca 5000 anni fa. Negli ultimi tempi si sta riscoprendo la quinoa in quanto alimento proteico ma senza glutine, ottimo per chi soffre di celiachia e chi segue diete dimagranti. Però bisogna avere ben presente come si cucina la quinoa, soprattutto come si prepara prima di cucinarla nelle varie ricette in cui vogliamo usarla. Scopriamone di più.

Come si lava la quinoa

Semi di quinoa qualità Real
Foto Shutterstock | Syda Productions

Prima di vedere come cucinare la quinoa vediamo il passaggio del lavaggio della quinoa, operazione preliminare alla preparazione di qualsiasi ricetta, che è molto importante, anzi fondamentale. Il motivo è semplice: oltre a eliminare polvere ed eventuali impurità, i semi di quinoa vanno lavati per togliere la saponina che li ricopre. È una sostanza amarognola che è meglio togliere per evitare sapori sgradevoli nei piatti, ma state tranquilli, non fa male alla salute.

Comunque per preparare la quinoa prima di utilizzarla per qualsiasi ricetta, munitevi di un colino a maglie fitte e lavate bene la quinoa sciacquandola più volte sotto l’acqua fredda.

Come si cucina la quinoa: i vari metodi di cottura

Quinoa con pollo
Foto Shutterstock | Nataliya Arzamasova

A questo punto, dopo aver visto come si lava la quinoa, vediamo come cucinare la quinoa, partendo proprio dalla cottura di base della quinoa. Il procedimento, infatti, differisce sia da quello della pasta che della maggior parte dei cereali, categoria nella quale spesso si fa rientrare pur non essendolo. Per quanto riguarda la quantità, in genere si usano circa 50 grammi di quinoa a persona.

Tostatura della quinoa

Una volta ben scolata, dopo il lavaggio, la quinoa deve essere tostata. Versate un filo di olio in una padella capiente ed unite la quinoa. Fatela cuocere per circa 3 minuti mescolandola spesso, quindi spegnete la fiamma. Questa operazione permette all’aroma di nocciola caratteristico di sprigionarsi al meglio.

Cottura della quinoa bollita

Dopo la tostatura la quinoa è pronta per essere lessata: buttatela in una pentola piena di acqua e fatela cuocere per circa 12/15 minuti. Non usate abbondante acqua come fareste per la pasta, la cottura della quinoa deve avvenire in poca acqua, in modo da permettere ai semi di assorbirla perfettamente.

Regolatevi così per misurare l’acqua per cuocere i semi di quinoa: usate il doppio del volume di quinoa. Ovvero per ogni tazza di quinoa lavata che usate, mettete due tazze di acqua salata o brodo.

Come cuocere la quinoa al vapore

Potete cuocere la quinoa al vapore: dopo aver sciacquato i semi poneteli nel cestello della vaporiera usando, se necessario, un canovaccio pulito per contenerli. Fate arrivare l’acqua a ebollizione e poi poggiate il cestello con la quinoa e fate cuocere circa 20 minuti. Aggiungete un pizzico di sale e usatela per le preparazioni preferite, o aggiungete un filo di olio e portate in tavola.

Come si cuoce la quinoa al forno

Vediamo ora come cucinare la quinoa al forno. Lavate la quinoa, tostatela, lessatela e poi disponetela in una teglia da forno coperta, cuocete a 170 per circa 25 minuti. Infine potete condirla come preferite e servire, oppure passare altri 5 minuti al forno per fare insaporire.

Come fare la quinoa soffiata

Un cenno merita la quinoa soffiata, che può essere utilizzata in numerose ricette. Può essere unita alle zuppe o alle insalate ma trova il suo impiego ideale nel latte a colazione o come aggiunta allo yogurt. Farla in casa è molto semplice: dopo averla sciacquata e fatta completamente asciugare in forno caldo, trasferitela in una padella con il coperchio e fatela cuocere come fareste per i pop corn: sentirete degli scoppiettii provenire dalla padella mentre si gonfierà diventando leggera.

Come si capisce che la quinoa è cotta

Polpette di quinoa
Foto Shutterstock | RodStock

La quinoa è cotta quando appare traslucida e dopo aver completamente assorbito il liquido in cui l’avete messa a cuocere. In genere ci vogliono 10/15 minuti, ma dipende anche in quale ricetta decidete di usarla. Ad esempio se la usate nell’insalata allora sarà meglio lasciarla ”al dente” mentre se dovete fare delle polpette o dei burger, allora sarà bene farla cuocere di più per avere un prodotto più morbido e più facile da assemblare e compattare.

Come condire e ricette per usare la quinoa

quinoa con zucchine
Foto Shutterstock | marco mayer

Dopo aver capito come cucinare la quinoa vediamo come presentarla in tavola. La quinoa può essere condita, di base, con il tradizionale olio extra vergine di oliva unitamente a del sale e del pepe. Nulla vieta, ovviamente, di aggiungere il curry e la curcuma, delle spezie strane a piacere o le classiche erbe aromatiche, ad iniziare dal prezzemolo.

Ciò premesso, la quinoa si presta a tutta una serie di accompagnamenti deliziosi, ad iniziare dalle verdure. Provate le ricette dell’insalata di quinoa, oppure la quinoa con ceci o altri legumi (sta bene anche con le lenticchie) o la quinoa con verdure miste.

Potete usarla anche per fare il pane di quinoa e in diverse preparazioni che spaziano dai primi ai secondi piatti. È’ ottima, ad esempio, nelle minestre o nelle zuppe, o come ripieno per pomodori, peperoni, zucchine, melanzane. Si presta anche alla realizzazione dei burger vegetali e delle polpette, oltre che delle cotolette vegetali. Si abbina bene all’amaranto.

Non dimentichiamo i dolci: può rappresentare la base per dei biscotti alla quinoa deliziosi, o per dei budini cremosi realizzati anche con il latte vegetale, per andare incontro alle esigenze dei vegani.

Tipi di quinoa e curiosità

quinoa bianca rossa e nera
Foto Shutterstock | joanna wnuk

A differenza di quanto si possa pensare, la quinoa è una pianta erbacea, e non un cereale, ed appartiene alla stessa famiglia degli spinaci. I valori nutrizionali della quinoa, che è particolarmente amata da vegani e vegetariani, la rendono un alimento sano e perfetto per una dieta bilanciata. È ricca di proteine vegetali e priva di glutine, caratteristica, questa, che fa sì che sia consentita nell’ambito dell’alimentazione dei celiaci, in sostituzione della pasta o del pane, ma anche dei dolci. Ha un buon contenuto di ferro, magnesio, potassio e zinco ed è fonte di calcio.

Varietà della quinoa

Della quinoa esistono numerose varietà. Le più comuni e conosciute, tuttavia, sono solo tre: la bianca, la rossa e la nera. Se siete al primo approccio con tale alimento, è bene sapere che quella bianca è caratterizzata da un sapore più delicato, mentre le altre due hanno un gusto più deciso e sono contraddistinte da un sentore di nocciola. Un cenno merita la quinoa Real, che ha origine in Bolivia ed è una delle migliori. Ha un sapore più dolce rispetto alle altre.

1 di 1

Pagina iniziale

1 di 1

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Buttalapasta, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.